Cosa ci guadagno?

Cifre e fatti

 Disparità salariale mediaParte spiagataParte non spiagataDisparità non spiagata basarsi sul valore medio
In tutto18.3%
(1’455 Fr. al mese) 
56%44%7.7% 
(642 Fr. al mese)
Settore privato19.6%
(1’532 Fr. al mese) 
57%43%8.1%
(657 Fr. al mese) 
Settore pubblico16.7%
(1’498 Fr. al mese) 
65%35%5.9%
(522 Fr. al mese) 

(Fonte: Rilevazione svizzera del livello e della struttura dei salari nel 2016, ufficio federale statistico UFS)

Le donne guadagnano in media il 18,3 per cento o 1455 franchi al mese meno degli uomini. Il 56 per cento di questa differenza può essere attribuita a fattori oggettivi come la posizione professionale, gli anni di servizio o il livello di formazione, mentre il 44 per cento non è riconducibile ai fattori considerati e presenta quindi una potenziale discriminazione salariale di genere.

Informazioni tratte dall’Ufficio federale di statistica:

Dal 1994 le differenze salariali tra uomini e donne nel settore privato sono diminuite. Tra il 2006 e il 2012 sono rimaste relativamente stabili al 19% circa e successivamente si sono di nuovo assottigliate: nel 2016 il salario mediano lordo standardizzato delle donne nel settore privato ammontava a 5632 franchi al mese, quello degli uomini a 6593 franchi, il che equivale ad una differenza salariale del 14,6%.

Secondo uno studio basato sulle medie aritmetiche, nel 2014 nel settore privato il 39,1% (vale a dire 585 franchi al mese) della differenza salariale non era spiegabile.

Nel settore pubblico, tali differenze sono minori rispetto a quello privato. Nel 2016 il salario mediano lordo standardizzato delle donne nell’intero settore pubblico ammontava a 7404 franchi al mese, quello degli uomini a 8466 franchi, il che equivale ad una differenza del 12,5%.

Nel 2014, la percentuale delle differenze salariali tra i sessi non spiegabili, basata sulla media aritmetica e praticata in tutto il settore pubblico (Confederazione, Cantoni e Comuni) era superiore a quella nel settore privato (41,7%, ossia 608 franchi al mese).

A parità di formazione e di posizione professionale il salario mensile lordo mediano standardizzato nel settore privato delle donne era inferiore a quello degli uomini. Nel 2016 le donne guadagnavano, a seconda del livello di formazione, tra l’8,1% (patente d’insegnante) e il 21,5% (università e politecnici federali) in meno rispetto agli uomini. Inoltre il salario delle donne, a seconda della loro posizione professionale, era inferiore rispetto a quello degli uomini dell’11,6% (quadri inferiori) e del 20,8% (quadro medio e superiore). Nel settore privato la differenza salariale aumenta con l’età: nel 2016, le donne tra i 20 e i 29 anni guadagnavano mediamente il 6,9% in meno, quelle tra i 30 e i 39 anni e tra i 40 e i 49 anni rispettivamente l’8,2% e il 16,2% in meno. Le donne tra i 50 e i 64 anni il 18,6% in meno rispetto agli uomini nella stessa fascia di età.

Le differenze salariali tra i sessi sono tra l’altro dovute anche al fatto che le donne sono sovrarappresentate nelle professioni meno remunerate: nel 2016, nel settore pubblico e privato la percentuale di lavoratrici con un salario basso (< 4335 franchi) era di poco più di due volte superiore a quella degli uomini. In cambio gli uomini sono sovrarappresentati nelle professioni meglio remunerate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...